Tratto da un articolo di Alberto Cenci pubblicato su Documenta, volume I, 1999, Antiche Porte editore, che riporta una ordinanza della Comunità di Carpineti datata 26 gennaio 1820

Il Podestà ordina

  1. Ciascuno potrà liberamente con animali suini cercar tartuffo in ogni stagione sui propri fondi

  2. Chi vorrà esercitare tal mestiere sui fondi altrui di qualità qualunque siansi dovrà munirsi di licenza da rilasciarsi dall'ufficio del Buongoverno in carta col bollo da centesimi 50 che sarà valevole per un anno a contare dalla data e dovrà pure riportare l'assenso dai proprietari dei fondi che sarà spiegato in iscritto appiedi della licenza dell'ufficio del buongoverno e che non potrà estendersi oltre la durata della licenza stessa

  3. La licenza dell'ufficio del Buongoverno non sarà rilasciata a quelle persone per le quali occorressero titolo per ricusarla

  4. La licenza è personale e chi ne sarà munito dovrà tenerla presso di sé e mostrarla a qualunque richiesta de' reali dragoni, de' cursori comunali e di qualunque altra forza pubblica

  5. Chi andrà con animali suini a cercar tartuffo sui fondi altrui senza la licenza ed assenso sopraspiegati sarà multato in lire dieci d'Italia per la prima volta e nel doppio in caso di recidiva, oltre la vitazione dei danni. Chi rifiuterà di mostrare la licenza ai cursori ed alla forza pubblica o non l'avrà con sé sarà multato in lire sei

  6. Le multe saranno pronunciate dall'ufficio di Buongoverno dietro giurata deposizione di due testimoni e saranno applicabili quanto alla prima per metà all'inventore, per l'altra metà al proprietario del fondo e riguardo alla seconda per metà all'inventore, per l'altra al comune

  7. Chi non potrà pagare le multe per miserabilità dovrà scontarle con un giorno di carcere per ogni lira di multa

  8. Quanto al pagamento delle multe vi saranno obbligati in solido i capi di casa per gli individui di loro famiglia

  9. I reali dragoni, i cursori comunali e qualunque altra pubblica forza sono incaricati dell'esecuzione del presente ordinamento che sarà pubblicato al capoluogo e diramato alle sezioni